Durata

La storia di VMZINC vanta una tradizione che risale a 200 anni fa. Una storia che attraversa i secoli ed evoca l’immagine di un metallo nobile, durevole e robusto, caratterizzato da una durata eccezionale e da una grande malleabilità.

  • Resistenza alla corrosione
    Il tempo non ha influenza sullo zinco, che è naturalmente resistente alla corrosione e si autoprotegge attraverso un rivestimento naturale chiamato patina (di un tono grigio chiaro), che si forma tra i 6 mesi e i due anni dopo la posa del laminato, a seconda del clima, dell’esposizione del luogo e dell’aggressività dell’atmosfera. Questa patina protettiva conferisce allo zinco la sua longevità: da 50 a 100 anni, secondo il tipo di atmosfera.
  • Patina auto-protettiva
    La presenza di diossido di carbonio (CO2), in atmosfera naturale rinnovata e in presenza di acqua (H20), provoca questa reazione sulla superficie del metallo. La patina che si crea è formata da due parti:
    * un primo strato molto denso, in contatto con lo zinco, non solubile in acqua e formato da cristalli molto serrati, costituito da carbonato basico di zinco, che protegge lo zinco e frena gli scambi tra questo e l’ossigeno presente nell’aria.
    * un secondo strato di spessore molto variabile, molto meno aderente e molto poroso, costituito da ossido o idrossido di zinco. Esso riveste un ruolo meno importante, ma tuttavia utile, poiché permette di neutralizzare l’acidità delle piogge e degli effluenti che gocciolano sullo zinco.
  • Manutenzione
    Oltre al suo lungo ciclo di vita, lo zinco non ha bisogno di particolare manutenzione. In fatti, continua a sviluppare una patina protettiva per tutto il corso della sua vita e questa permette di correggere le imperfezioni e i graffi.